P.Iva 11349570017 di Crepaldi Elisa

Come si porta il velo da sposa? Da quello a mantiglia al cap veil: ecco come indossarlo!

Da Grazia Dato

Si sceglie prima il velo o l’acconciatura? Come si mette il velo da sposa? E come si porta? Con quest’articolo sciogliamo ogni dubbio su come indossare questo importante accessorio nuziale.

PH EFFETTI DI FILIPPO TOMASSINI

Tra le regole d’oro di tutti i designer di abiti da sposa e professionisti di bellezza nuziale, una svetta tra tutte: il velo deve essere in primis adatto al vestito, e, successivamente, lo stesso potrà condizionare (in parte) la scelta dell’acconciatura sposa più adatta, a seconda di come si decida di indossarlo. Tuttavia, se ancora non avete scelto né l’uno né l’altro, vi diamo qualche idea e alcuni consigli su come portare il velo da sposa.

Come si porta il velo a mantiglia?

VALERIO LUNA

Chi decide di indossare un velo in stile mantiglia spagnola punta senz’altro su un look nuziale particolarmente elegante e tradizionale avendo scelto un abito da sposa in pizzo o vintage. Si tratta di un velo generalmente molto lungo, adornato da una ricca bordatura in pizzo, che si posa direttamente sul capo fissandolo con un pettinino. Viene indossato piuttosto sul davanti, coprendo in parte il viso, le spalle e l’acconciatura: si tratta, quindi, di un accessorio che tende ad essere dominante nel look della sposa e che richiede pertanto una pettinatura semplice. Sarà ideale un raffinato raccolto basso con i capelli tirati all’indietro, ma anche un’acconciatura sposa con capelli sciolti o semi raccolti.

Veli lunghi: a cattedrale e a cappella

Nella categoria dei veli lunghi e “importanti” rientrano senz’altro anche i veli cosiddetti “a cappella” e “a cattedrale”. Il velo a cappella si indossa generalmente attaccato a una coroncina o una tiara e, a differenza del velo a mantiglia, il volto è completamente scoperto poiché va portato all’indietro. In questo caso le acconciature ideali che richiamano la raffinatezza e romanticismo di questo velo sono costituite da raccolti alti come un high bun o uno chignon a banana.

Il velo a cattedrale, invece, non viene indossato con nessun altro accessorio, bensì poggiato e fissato in alto, generalmente al di sopra di uno chignon o di un’acconciatura sposa semiraccolta, lasciando pertanto scoperto il viso, a meno che non sia dotato di blusher.

Velo con blusher

ANNA CAMPBELL

Con il termine blusher ci si riferisce alla calata del velo, ovvero la parte che cade sul davanti e che copre viso e scollatura, da non confondere con la veletta che è costituita, invece, da una rete solitamente più corta. Ogni modello di velo, dal più corto al più lungo, può essere dotato di blusher. La sposa porterà il velo calato sul volto fino all’arrivo all’altare, momento in cui verrà alzato e lasciato cadere sul retro. La pettinatura ideale da portare con un velo con calata è un semiraccolto o un raccolto, sia esso un piccolo chignon basso o uno più alto e voluminoso: l’importante è che il velo venga fissato al di sopra del raccolto stesso per poterlo poi lasciar cadere all’indietro.

Come si portano i veli corti?

ENZOANI

In genere i veli di questa lunghezza vengono abbinati ad hoc ad abiti da sposa corti per realizzare dei look nuziali freschi e dal mood sbarazzino. I veli corti, i cui nomi e lunghezze vengono definiti in base a “fin dove arriva il bordo” (dalle spalle ai gomiti, fino alle punta delle dita) sono sicuramente tra i più versatili per quanto riguarda il loro abbinamento con qualsiasi acconciatura, tutto dipende dallo stile e dal look che si ricerca. 

Se si vuole portare i capelli sciolti, per esempio, un velo corto che parte da una corona floreale, “coronerà” un look romantico e bohémien mentre, se si opta per un raccolto ben tirato, si potrà portare il velo fissandolo sulla parte alta del capo per un look principesco o, ancora, se si desidera donare un’allure sofisticata a un semplice semiraccolto, basterà posizionarlo più sul retro per dare quel tocco chic all’insieme. 

Se si vuole accompagnare un raccolto principesco con un bel diadema, il velo andrà applicato sotto l’acconciatura, mentre se si opta per quello che si allaccia ai polsi sarebbe meglio portarlo con un’acconciatura raccolta più semplice e bassa. In quest’ultimo caso, infatti, è meglio evitare i capelli sciolti e lunghi per non appesantire troppo il look. 

Il velo a bandana

CHIC NOSTALGIA

Molto in voga negli ultimi anni è sicuramente il cap veil, un modo alternativo di portare il velo che richiama look di ispirazione rétro, soprattutto se abbinato ad abiti da sposa vintage. Il cap veil si porta, difatti, come fosse una bandana, emulando il copricapo che indossavano le donne negli anni Venti. Il velo può essere “annodato” su uno dei due lati della testa oppure dietro, a seconda del look che si desidera ottenere. Ovviamente, il velo portato in questo modo condiziona abbastanza la scelta dell’acconciatura che non potrà essere né alta né voluminosa, bensì più naturale e sciolta, o raccolta sulla nuca

E tu, come porterai il velo nuziale? Se proprio non riesci a deciderti sull’acconciatura sappi che comunque, in linea generale, tutti i modelli di velo ben si adattano ai raccolti a metà testa.

Se hai già acquistato il velo non dimenticarti di portarlo, insieme ad eventuali altri accessori per capelli, come coroncine o fermagli, e ai gioielli come collane e orecchini, alla prova dell’acconciatura e trucco sposa per verificare l’effetto nell’insieme

Link all’articolo originale di Matrimonio.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X